Mercoledì 31 Agosto 2011

Appello di Mia Farrow per salvare i bambini del Corno d'Africa

Roma, 31 ago. (TMNews) - "Sta accadendo qualcosa di terribile", ha detto l'ambasciatrice dell'Unicef, Mia Farrow, dopo aver visitato il più grande insediamento di rifugiati al mondo a Dadaab, nel Kenya nord-orientale. Senza raccolti e con il bestiame decimato, centinaia di migliaia di rifugiati somali non hanno avuto altra scelta che intraprendere un pericoloso viaggio in Kenya in cerca di cibo e acqua. La situazione a Dadaab è molto difficile; l'Unicef e i suoi partner stanno lavorando duramente per soddisfare le straordinarie necessità. Le famiglie, disperate, continuano ad arrivare. Più di 435.000 persone vivono nei campi a Dadaab, originariamente destinati ad ospitarne 90.000. Oltre la metà sono bambini. Mia Farrow ha visitato famiglie di rifugiati appena arrivati e visitato scuole e centri sanitari. Ha parlato con una donna somala che aveva camminato per 25 giorni per raggiungere il Kenya. Due dei suoi figli erano morti. "Tanti bambini non ce l'hanno fatta, sono morti lungo la strada", ha detto la Farrow. "Questa è una emergenza gravissima". Nonostante l'enorme richiesta, l'Unicef e i suoi partner sono riusciti a sfamare i nuovi arrivati ??e salvare i bambini dalla morte. Circa 18.000 bambini gravemente malnutriti sotto i cinque anni sono ora in terapia."La maggior parte di loro, spero, sarà salvato" ha detto la Farrow. La carestia rischia di inghiottire tutto il sud della Somalia nelle prossime settimane. Mia Farrow ha lanciato un urgente appello alla comunità internazionale per i bambini di tutta la regione dell'Africa orientale colpiti da una prolungata siccità, conflitti e aumento dei prezzi dei prodotti alimentari: "si sta vivendo un momento difficile in tutto il mondo, mi rendo conto di questo. Ma non sono così difficile come per la gente che vive qui. La maggior parte di noi può contare di sopravvivere alla notte. L'Unicef ha bisogno del vostro aiuto per salvare vite umane, le vite dei bambini nel Corno d'Africa, che in questo momento dipendono da voi e da me". L'Unicef ha lanciato un appello per raccogliere 364 milioni di dollari per i prossimi sei mesi per fornire aiuti salva-vita per milioni di bambini e donne colpiti dalla crisi; per questa emergenza l'Unicef Italia ha già raccolto e inviato 1,1 milioni di euro.

Red-Bla

© riproduzione riservata