Giovedì 15 Settembre 2011

TV/ Paolo Villaggio: Per il mio funerale voglio essere bollito

Milano, 15 set. (TMNews) - Alle soglie del suo 80esimo compleanno Paolo Villaggio prova ad esorcizzare con la solita ironia lo spettro della morte. "Invece che essere cremato, penso alla possibilità di essere bollito - dice l'attore in un'intervista a Marie Claire -. Mi immagino un bel pentolone in piazza del Popolo a Roma, con i fiori dentro, la preparazione, tu che arrivi e tutti che applaudono. Però devi avere il diritto a essere preservato da cose umilianti, tipo il limone o la carota. La carota può suscitare ilarità!". L'attore parla anche dei possibili luoghi per il suo funerale: "Dopo quello di Sordi, a Roma non se ne può più. Anche a Genova, dopo quelli di De André, non c'è più storia - continua Villaggio -. Vanno pianificati per benino o è meglio scomparire completamente senza darne notizia. Però mi dispiacerebbe perdere l'opportunità di scrivere io il mio coccodrillo per La Repubblica o il Corriere". Il discorso si sposta poi su religione e tv. "Dio e l'aldilà sono tra le invenzioni più pericolose della storia del pianeta, oltre alla monogamia. La tv poi è una straordinaria dittatura - continua l'attore -. Ha avuto la facoltà di abbassare il livello culturale del paese. Ne ho fatto parte, ma ho cercato di modificarla e mi sembra di esserci riuscito: la mia tv era paradossale e autocritica, adesso è ipocrita. E infatti non mi invitano più ai talk show".

Spt

© riproduzione riservata