Martedì 24 Marzo 2009

Calcio; Pazzini: In nazionale ma non per parlare di Cassano

Roma, 24 mar. (Apcom) - Rispondere alla chiamata del ct Marcello Lippi con "tanto entusiasmo e tanta voglia di fare bene". Ma non per parlare di Antonio Cassano. Che Giampaolo Pazzini comunque ringrazia. "Ogni tanto, con qualche battuta, mi diceva che con i suoi assist mi avrebbe mandato in nazionale: e c'è riuscito", dice a Sky l'attaccante della Sampdoria, alla prima chiamata in azzurro per il doppio impegno contro Macedonia ed Eire per le qualificazioni ai Mondiali di Sudafrica 2010. E Pazzini si ritrova subito a confrontarsi con il "caso" della mancata chiamata del compagno di squadra. "Cassano è sicuramente un giocatore molto forte. Mi ha aiutato fin dal primo giorno ad inserirmi, anche in campo, quindi per me è un onore giocarci insieme", ha detto l'attaccante blucerchiato. "Non posso entrare nel merito, però posso dire che Cassano è un giocatore molto forte. E chiaro che poi c'è un mister che prende le sue decisioni e che vanno rispettate".

CAW

© riproduzione riservata