Mercoledì 01 Luglio 2009

Roma, pranzo salato per due turisti: conto da 700 euro

Roma, 1 lug. (Apcom) - Dopo una romantica passeggiata, ammirando le bellezze di Roma, due fidanzatini giapponesi si sono concessi un pranzo ristoratore, in un noto locale della Capitale, in via Zanardelli, vicino piazza Navona, ma il conto ha rotto l'incanto: per due pasti completi con vino e acqua il cameriere ha presentato ai due turisti un conto di 579,50 euro. In un primo momento la coppia ha pensato ad un errore, ma i dubbi sono venuti meno quando sono tornati in possesso della carta di credito: sulla ricevuta risultava che al totale era stata addirittura aggiunta una mancia di 115,50 euro, prelevata senza la loro autorizzazione. Nonostante le proteste, il ristoratore rimaneva irremovibile: "Questi sono i prezzi!", li ha apostrofati. Ai due fidanzati quindi non è rimasto che concludere la romantica vacanza romana con una visita al Commissariato Trevi Campo Marzio e una alla polizia. Gli agenti hanno controllato il ristorante e hanno scoperto che i prezzi fatti ai due giapponesi non corrispondevano a quelli indicati nel menù. Il titolare del ristorante è stato denunciato per truffa ai danni dei due fidanzatini in vacanza. Inoltre, i poliziotti hanno richiesto i controlli sanitari del servizio igiene alimenti e nutrizione della Asl, che ha riscontrato carenze strutturali, ambienti sudici e frigoriferi non funzionanti e ha così disposto l'immediata chiusura per gravi carenze igienico sanitarie, del noto e salato ristorante. Intanto continuano in tutto il centro storico i controlli per verificare l'osservanza delle regole da parte dei titolari degli esercizi pubblici e dei loro frequentatori, per garantire lo svago notturno, nel rispetto dei residenti. In particolare, nel mese di giugno con la collaborazione della Asl, gli agenti nella zona del centro storico hanno controllato altri 5 locali e per due di loro sono scattati i provvedimenti di chiusura per gravi carenze igienico sanitarie, altri 3 sono stati sanzionati per violazioni sanitarie meno gravi. Red/Gtu

MAZ

© riproduzione riservata