Sabato 05 Settembre 2009

Mostra Venezia/Paolini non potrà più entrare in città per 3 anni

Roma, 5 set. (Apcom) - Il noto 'disturbatore televisivo' Gabriele Paolini non potrà entrare a Venezia per tre anni. Lo ha disposto il questore locale. Paolini, giovedì, al Lido di Venezia, ha fatto "sentire la sua voce" durante la diretta di un telegiornale nazionale, mentre il cronista riferiva sui film in concorso alla 66ma edizione della Mostra del cinema di Venezia. Paolini, milanese di 34 anni, ma residente a Roma, a ridosso della passerella utilizzata dalle personalità presenti alla Mostra e utilizzando un megafono, aveva apostrofato pesantemente, con epiteti e insulti di varia natura, il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi. Dopo averlo bloccato e identificato, la polizia ha accertato che Paolini aveva tentato altre due volte, nello stesso pomeriggio, di disturbare altre riprese televisive che erano impegnate nelle cronache della manifestazione internazionale. Condotto presso gli uffici del posto di polizia del Lido, Paolini è stato identificato dai poliziotti e rilasciato. Gli atti redatti dagli agenti del commissariato "San Marco" e relativi alle sue performance sono stati trasmessi alla divisione polizia anticrimine della Questura di Venezia, e al questore Fulvio Della Rocca. Visti i precedenti specifici dell'uomo (già protagonista di fatti analoghi alla Mostra del Cinema del 2006), ai numerosissimi precedenti di polizia in materia di offesa a personalità istituzionali, interruzione di ufficio o pubblico servizio, offese a confessioni religiose, diffamazione, violenza privata, ingiuria, molestie e disturbo, il questore ha disposto, il divieto di far ritorno nel Comune di Venezia per tre anni. Il provvedimento è in corso di notifica al diretto interessato.

Red/Gtz

© riproduzione riservata