Fisco/ La Gdf 'pizzica' un pornoattore, non potrà usare scudo

Fisco/ La Gdf 'pizzica' un pornoattore, non potrà usare scudo Occultava all'erario centinaia di migliaia di euro

Fisco/ La Gdf 'pizzica' un pornoattore, non potrà usare scudo
Roma, 17 set. (Apcom) - Indagini a tappeto dalla Guardia di finanza sull'evasione fiscale all'estero. L'ultimo ad essere "pizzicato" è un noto porno attore, di cui al momento la Guardia di Finanza non fornisce il nome, che deve giustificare di aver occultato all'erario redditi per centinaia di migliaia di euro attraverso la fittizia istituzione di società in "paradisi fiscali" (in particolare, in Ungheria).Per effetto delle indagini delle Fiamme gialle l'attore ormai non potrà più chiedere di far rientrare in Italia le somme evase con le agevolazioni dello "scudo". Solo, infatti, chi è nelle condizioni previste dalla legge (non è stato cioè già scoperto dal Fisco) potrà rimpatriare o regolarizzare - entro il 15 aprile 2010 - i patrimoni e le disponibilità finanziarie detenute illecitamente all'estero. Dagli accertamenti effettuati sul conto dell'uomo e di sua moglie - anche questa ex pornodiva - è emerso tra l'altro che i due, residenti fino al 2005 in provincia di Chieti, avrebbero fissato la propria dimora a Roma, in una villa risultata intestata ad una società britannica, anch'essa oggetto di indagini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA