Lunedì 26 Ottobre 2009

Marrazzo si dimette da commissario Sanità. Visitato al Gemelli

Roma, 26 ott. (Apcom) - Il presidente della Regione Lazio Piero Marrazzo, che sabato si è autosospeso dalla funzione, questa mattina ha presentato le dimissioni da commissario straordinario della Sanità regionale. Lo fanno sapere fonti del ministero del Welfare, precisando che ad assumere tutte le funzioni di commissario sarà l'attuale subcommissario Mario Morlacco. Non sarebbe allo studio l'ipotesi di coinvolgere altri soggetti nella gestione commissariale. Il Pdl, intanto, insiste nella sua offensiva contro la decisione di Marrazzo di autosospendersi dalla carica di presidente della regione . E' un "evidente abuso" è pensare di ricorrere a "terze vie" come l'autosospensione, che nello statuto non esistono. Semmai, dimissioni e subito alle urne. E' la posizione ribadita in una nota congiunta da Maurizio Gasparri e Gaetano Quagliariello, capogruppo e vicecapogruppo vicario del PdL al Senato. "La sinistra - affermano - continua a far finta di non capire. I gruppi parlamentari del Popolo della Libertà non hanno chiesto le dimissioni del presidente della Giunta regionale del Lazio, Piero Marrazzo. Abbiamo sempre sostenuto che egli, se ritiene che ne sussistano le condizioni, può e deve andare avanti nel suo mandato. Se invece non ritiene che tali condizioni vi siano, deve dimettersi e consentire lo svolgimento delle elezioni il prima possibile. Non esistono terze vie, né si può ricorrere all'articolo 45 comma 2 dello statuto della Regione Lazio, che in tal caso verrebbe attivato al solo scopo di rinviare la data delle elezioni, paventando impedimenti temporanei che qualcuno - un medico? - dovrebbe certificare anche in contrasto con l'evidenza dei fatti". Stamattina, intanto, Marrazzo è stato visitato dai medici del Policlinico Gemelli di Roma, la diagnosi sarebbe quella di una sindrome da stress psico-fisico. Dpn/Ral

MAZ

© riproduzione riservata