Sabato 31 Ottobre 2009

Marrazzo/ Spunta il nome di un quinto carabiniere

Roma, 31 ott. (Apcom) - Un quinto carabiniere sarebbe implicato nell'inchiesta sul ricatto con video all'ex Governatore del Lazio, Piero Marrazzo. Secondo quanto scrive il "Corriere della sera", il militare Donato D'Autilia, 42 anni, già arrestato nel 2006 nell'ambito di un'inchiesta di un giro di pedofilia, avrebbe usato la propria casa per ricevere persone eventualmente interessate a visionare il filmato per valutarne l'acquisizione. Nell'abitazione del carabiniere sarebbero stati, secondo quanto scrive il Corsera, sia il fotografo Max Scarfone e sia il giornalista di "Oggi" Giangavino Sulas. Il primo ha riferito che l'uomo l'ha "controllato militarmente" quando andò "per la prima volta a vedere il filmato che volevano vendere". Per D'Autilia non è scattato il fermo, come invece è avvenuto per i carabinieri Carlo Tagliente, Luciano Simeone e Nicola Testini. La questione verrà posta ai giudici del Riesame dall'avvocato Mario Griffo.

San

© riproduzione riservata