Mercoledì 28 Gennaio 2009

Ciclismo; Simeoni: Non immagino il Giro senza campione italiano

Roma, 28 gen. (Apcom) - Il campione italiano di ciclismo, Filippo Simeoni, spera ancora in un invito della sua squadra, la Flaminia Bossini, al Giro d'Italia del centenario: "Sono un po' sorpreso perché mi aspettavo già l'ufficialità , - ha dichiarato il corridore ad Apcom - ora vorrà dire che dovrò aspettare ancora un po'. Sino a quando non verranno decise le ultime due squadre non mi sento di dire niente, continuo ad avere fiducia negli organizzatori, anche perché, come squadra, abbiamo tutti i requisiti etici e sportivi per prendere parte alla corsa". La sua squadra, la Flaminia Bossini, non ha ricevuto inviti neppure per le altre corse principali organizzate da Rcs ma, anche in questo caso, una chiamata potrebbe arrivare più avanti: "Non sono stato invitato né alla Tirreno, né alla Sanremo, ma continuo ad essere fiducioso perché non mi immagino un Giro d'Italia senza la presenza del campione italiano. Non so che dire, sarà una tattica-suspense fino alla fine". Simeoni spiega inoltre di non aver avuto contatti con l'organizzazione della corsa rosa: "No, non ho avuto nessun tipo di contatto, - le parole del corridore - quindi rimango in attesa degli sviluppi che mi auguro arrivino. La cosa potrebbe rimanere un po' così... Ma ripeto: rimango fiducioso perché non mi immagino un giro d'Italia senza la mia presenza". Il detentore della maglia tricolore, infine, si è soffermato sui rapporti con Lance Armstrong: "Recentemente gli ho teso la mano. Il Giro potrebbe essere l'occasione di chiarire le incomprensioni del passato e di fare cose importanti per solidarietà, non vedo il perché di una eventuale pressione da parte di Armstrong per una mia esclusione al Giro". Nel Tour de France del 2004, Simeoni, diviso in tribunale da Armstrong in una lunga vicenda giudiziaria con il doping sullo sfondo, tentò una fuga annullata però dallo sforzo della squadra del texano, che spinse i suoi compagni a recuperare sull'italiano per negargli la vittoria come ripicca.

Tab-Caw

© riproduzione riservata