Venerdì 23 Gennaio 2009

Cinema, "Italian Job", la scienza risolve finale in sospeso

Roma, 23 gen. (Apcom) - "Un colpo all'italiana" (The italian job), film del 1969 con protagonista Michael Caine, vanta uno dei finali più "in sospeso" della storia del cinema: letteralmente, visto che Charlie Croker e i suoi complici rimangono in bilico su un burrone, senza né poter lasciare il pullmino né recuperare i lingotti d'oro nel retro. "Aspettate un momento, ho un grande idea", esclama Croker, che non fa in tempo a condividerla con gli spettatori per l'arrivo dei titoli di coda: la britannica Royal Society of Chemistry ha deciso dunque di indire concorso per chi trovasse una soluzione che permettesse ai ladri di salvarsi e di recuperare l'oro. Come riporta il quotidiano britannico The Independent, il premio è andato a John Godwin, la cui idea in tre fasi dovrebbe poter essere portata a termine in meno di mezz'ora: primo, sfasciare la terza fila di finestrini del pullman con il tacco della scarpa di Croker (rimasto a mezza strada, mentre i suoi nove compagni sono radunati nella parte anteriore per fare da contrappeso all'oro): ciò permetterebbe di eliminare del peso dalla parte nel vuoto ma soprattutto di fare in modo che qualcuno sporgendosi possa rompere il parabrezza facendo cadere il vetro all'interno (mantenendone in questo caso il peso sulla parte che poggia a terra). Secondo, calare una persona dai finestrini rotti per sgonfiare le gomme anteriori, ridurre il beccheggio e stabilizzare la parte anteriore; terzo, aprire il portello di accesso al deposito carburante (situato nella parte centrale, mentre il serbatoio è in quella posteriore) per eliminare il combustibile, pesante circa 140 chili. A questo punto dovrebbe esserci abbastanza peso sulla parte anteriore per permettere a una persona di scendere dal pullman e procurarsi zavorra sufficiente perché i lingotti possano essere trascinati dal retro.

Mgi

© riproduzione riservata