Venerdì 30 Gennaio 2009

Eurispes; Più della metà degli italiani ha difficoltà a fine mese

Roma, 30 gen. (Apcom) - Più della metà degli italiani confessa di avere difficoltà ad arrivare a fine mese. È quanto merge nel rapporto Euripes "Italia 2009" che evidenzia come "il 53,4% confessa che, ad un certo punto del mese, incontra difficoltà a far quadrare il proprio bilancio familiare". Per questo è in continuo aumento il numero di coloro che ricorrono all'acquisto a rate e cambiano le proprie abitudini di spesa. Il 34,3% ha difficoltà a pagare la rata del mutuo ed il 23,1% il canone d'affitto. Nei momenti di recessione e di crisi economica, gli stili di vita e le abitudini di spesa subiscono inevitabilmente delle modifiche. In particolare, il 78% degli italiani riduce le risorse destinate ai regali ed il 72,6% taglia le spese per i pasti fuori casa. Si privilegia l'acquisto di prodotti in saldo (75,2%) o comunque per l'abbigliamento si è attenti a ricercare punti vendita più economici come grandi magazzini, mercatini o outlet (51,6%). Sicuramente in riduzione le spese per il tempo libero (65%) e quelle per i viaggi e le vacanze (64,5%). Nel caso dei prodotti alimentari, se il 64,8% dichiara di essere propenso a cambiare marca di un prodotto se questo è più conveniente, circa la metà dei consumatori (51,6%) afferma di scegliere, per i propri acquisti, punti vendita più economici come i discount. Sono sempre più frequenti i casi di coloro che si trovano ad affrontare problemi economici: il 19,1% delle famiglie italiane è costretto a ricorrere a prestiti personali, il 34,3% ha difficoltà a pagare la rata del mutuo ed il 23,1% il canone d'affitto. Questo spiega perché oltre la metà delle famiglie italiane (51,2%) deve utilizzare i risparmi accumulati negli anni precedenti per riuscire a far quadrare i conti. Soltanto una famiglia su tre (33,4%) riesce a risparmiare qualcosa mentre è pari al 66,1% la percentuale delle famiglie italiane che riesce a raggiungere l'oramai ambito traguardo della "fine del mese".

Rbr

© riproduzione riservata