Giovedì 29 Gennaio 2009

Expo 2015; Salta ancora nomina Ad, verso ricapitalizzazione

Milano, 29 gen. (Apcom) - Salta ancora una volta la nomina di Paolo Glisenti alla carica di amministratore delegato di Expo 2015 Spa. È stata ancora una fumata nera quella uscita dalla riunione di oggi del consiglio di amministrazione che al primo punto all'ordine del giorno aveva il recepimento del dossier di candidatura presentato al Bie. Le indicazioni emerse al termine della riunione, durata poco più di due ore, hanno messo in evidenza che la ricapitalizzazione della società è diventato un vero e proprio nodo da sciogliere per poter rendere Expo 2015 operativa. "La riunione è stata positiva - ha commentato la presidente Diana Bracco - perchè ha recepito le indicazioni dei soci di vedersi e concordare un'adeguata capitalizzazione per far partire la società. Il Cda si è chiuso dopo la discussione del primo punto all'ordine del giorno", che riguardava, appunto, il recepimento del dossier. Non è stata dunque affrontata la questione della nomina di Glisenti. "Ci sarà un Cda per la prossima settimana", ha annunciato la Bracco che non ha fatto emergere alcuna frizione con il ministero del Tesoro che, al contrario, sembra mettere i bastoni tra le ruote all'organizzazione dell'evento e che ieri non aveva partecipato all'incontro a Palazzo Chigi tra il sindaco Letizia Moratti e, tra gli altri, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Gianni Letta. "Quella di ieri è stata una riunione importante - ha commentato la presidente - i ministeri e il commissario straordinario del Governo stanno lavorando moltissimo per le attività propedeutiche e parallele". "Oggi - ha aggiunto - abbiamo preso atto del dossier del Bie, lo studieremo ma credo che ormai ci siamo". Quanto al ruolo del Tesoro in tutta questa partita, la Bracco ha detto: "E' il primo che si è reso conto della necessità di questa capitalizzazione e si sta muovendo in questa direzione". Nessuna indicazione, tuttavia, è emersa per la convocazione di una eventuale assemblea dei soci che dovrebbero decidere per una operazione di ricapitalizzazione. "L'assemblea - si è limitata a dire la Bracco - ci sarà quando i soci l'avranno decisa". A quanto si apprende, il collegio sindacale non è intenzionato a chiedere la convocazione di una assemblea dei soci poichè non sussisterebbe una necessità di carattere legale per procedere ad un'operazione di ricapitalizzazione. Proprio a proposito dei sindaci anche alla riunione di oggi Dario Fruscio, già assente al precedente Cda, non vi ha preso parte. Proprio Fruscio con una lettera prima del consiglio di lunedì aveva sollevato dubbi alla Bracco sulla necessità di una ricapitalizzazione della società.

Mlo/Sar/Lux

© riproduzione riservata