Domenica 01 Febbraio 2009

Iraq: la polizia fa rimuovere il monumento alla scarpa anti-Bush

Baghdad, 1 feb. (Ap) - Ha avuto vita breve il monumento eretto a Tikrit in ricordo della scarpa lanciata dal giornalista iracheno Muntadhar al Zeidi all'ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, durante la sua ultima visita a Baghdad. Inaugurato giovedì nella città natale di Saddam Hussein, di fronte a un orfanotrofio, il monumento è stato rimosso ieri mattina su ordine della polizia. La direttrice dell'orfanotrofio, Fatin al Nassiri, ha detto che la decisione trova la sua motivazione nel fatto che il suolo pubblico non può essere utilizzato a scopi politici. Grande come un divano, trionfalmente issata su un piedistallo di marmo, in modo da poter essere visibile da lontano, come un monumento equestre, la grande scarpa in fiberglass rivestito di rame è opera dello scultore Laith al-Amari, che ha uno studio a Baghdad. Al Amari la considera "un omaggio all'orgoglio del popolo iracheno". Sul basamento anche una poesia in onore di al Zeidi: "Quando la spada si sazierà di sangue, o Muntadhar? Fratello mio, se la giustizia non grida, c'è silenzio". Al Zeidi attualmente è in carcere, accusato di "aggressione a capo di stato estero". Il processo è pendente, con i giudici che stanno valutando l'istanza dei difensori per un diverso e più lieve capo d'accusa.

Cep

© riproduzione riservata

Tags