Giovedì 29 Gennaio 2009

Omicidio Poggi; Perizia su ora morte Chiara smonta difesa Stasi

Milano, 29 gen. (Apcom) - Chiara Poggi sarebbe morta tra le 10,30 e le 12 del 13 agosto 2007, in un intervallo temporale centrato in particolare tra le 11 e le 11,30. E' quanto emerge dalla controperizia del dottor Marco Ballardini, medico legale dell'Università di Pavia, che eseguì l'autopsia sul corpo della ragazza uccisa a Garlasco. I contenuti della perizia di Ballardini, depositata a settembre in procura a Vigevano con l'avviso di chiusura delle indagini, non sono nuovi perchè erano già noti in parte, e supportano la tesi della procura stessa: smentiscono invece la perizia dei legali di Alberto Stasi, fidanzato della vittima e unico indagato per l'omicidio, che collocava l'orario della morte tra le 9 e le 10 del mattino, ora in cui Stasi può provare di avere un alibi. La perizia del dottor Ballardini è "assolutamente attendibile" secondo l'avvocato della famiglia Poggi Gianluigi Tizzoni: si basa, come spiega il legale, "su tre dati oggettivi". Il primo è il peso della ragazza, che era di 52-54 chili, come ricordato anche dalla mamma, e non di 60 come sostenuto dalla difesa di Stasi. Il secondo riguarda la temperatura: i consulenti della difesa fanno riferimento a quella misurata all'esterno, mentre "va misurata quella dentro l'abitazione, in uno scantinato, che è di due o tre gradi più bassa". Infine c'è la testimonianza del medico intervenuto sul luogo dell'omicidio, che ha visto per primo il corpo di Chiara: al momento del suo intervento, intorno alle due del pomeriggio, non era ancora sopraggiunto il rigor mortis, quindi non dovevano essere trascorse più di 2-4 ore dalla morte.

Mon

© riproduzione riservata