Venerdì 23 Gennaio 2009

Tv; Con la Rodriguez "Scherzi a parte" ricomincia dal varietà

Milano, 23 gen. (Apcom) - Riparte il prossimo giovedì, 29 gennaio, alle 21.30 su Canale 5, la fortunata trasmissione "Scherzi a parte", giunta alla sua undicesima edizione. Al timone delle nuove otto puntate del programma di Fatma Ruffini, ci saranno due vecchie conoscenze di "Scherzi" come Claudio Amendola (al suo secondo anno consecutivo) e Teo Mammuccari (che qui ha esordito nel 1995 come attore) e la novità Belen Rodriguez, da poco ritornata dall'"Isola dei famosi" e al centro di una vicenda sentimentale con il chiaccheratissimo Fabrizio Corona. In regia ci sarà Roberto Cenci, che segna così il suo ritorno a Mediaset. Se l'anima del programma continuerà ad essere lo scherzo al vip di turno, ci sarà però una virata verso il varietà e lo "spettacolo puro", con la novità Rodriguez che canterà e ballerà, "sostenuta" dalla strana coppia formata dal rassicurante Amendola e dall'irriverente Mammuccari. "Belen è stata una grande sorpresa - spiega Ruffini - e la vedrete in un ruolo nuovo, quella della showgirl, in un programma più incentrato sul varietà, con meno scherzi in studio e più ospiti che parteciperanno allo show". Le "vittime" della prima puntata sarannno l'attore Gerard Depardieu, il cantante Gigi D'Alessio, il ministro Mara Carfagna (alle prese con un auto a comandi vocali che a un certo punto risulta ingovernabile), il metereologo Mario Giuliacci, la conduttrice Alessia Marcuzzi, la showgirl Cristina Chiabotto e il pugile Clemente Russo. Ma nel corso delle altre puntate, oltre alla vittima "annualmente predestinata" Emilio Fede (colto questa volta all'interno di un Casinò), saranno decine i calciatori, sportivi e vip (veri o presunti tali) che cadranno nei tranelli tesi dagli autori, "guidati" da Marco Balestri. Come è sempre accaduto, anche se in pochissimi casi tra cui Adriano Celentano, Giancarlo Giannini, Andriy Shevchenko, Mike Bongiorno, Fiorello e la stessa Fatma Ruffini, alcuni personaggi non hanno firmato la liberatoria per la messa in onda dello scherzo subìto. Tra questi, ha annunciato Mammuccari, quest'anno c'è anche un "politico moro e di peso". "E' un vero peccato che non voglia comparire su 'Scherzi' - ha concluso Ruffini - anche se non è ancora detta ancora l'ultima parola". Il lavoro di realizzazione della sessantina di scherzi già pronti, è iniziato circa un anno e mezzo fa e la produzione degli ultimi è ancora in corso. Ribadendo che quelli che andranno in onda sono tutti scherzi veri, realizzati senza alcun accordo con le 'vittime', e che ognuno comporta un lavoro di circa due mesi, i protagonisti del programma hanno ricordato che dalla prima edizione, condotta dalla coppia Teocoli-Gnocchi, nel 1993 sono stati beffati 800, noti, personaggi.

Alp

© riproduzione riservata