Calvenzano piange Marco morto in moto a soli 17 anni
Marco Bonalumi

Calvenzano piange Marco
morto in moto a soli 17 anni

Il giovane ha perso la vita nella serata di martedì 5 settembre a Treviglio, in uno scontro con un’auto.

Era stato al suo primo allenamento nella palestra dell’Associazione pugilistica cremasca, ricavata da alcuni mesi nel piano seminterrato delle ex scuole elementari della frazione Geromina di Treviglio, alla quale si era iscritto solo sabato scorso. Si godeva gli ultimi giorni di vacanza dopo avere lavorato come stagista in un’azienda metalmeccanica della Bassa, mettendo a frutto gli insegnamenti ricevuti nei tre anni di scuola all’Itis Archemede di Treviglio, sezione meccanica. Con l’inizio del nuovo anno scolastico avrebbe frequentato la classe quarta sezione D.

La moto del ragazzo

La moto del ragazzo
(Foto by Luca Cesni)

E invece la vita di Marco Bonalumi, 17 anni di Calvenzano, è finita tragicamente contro un’auto (guidata da un uomo di 80 anni con accanto la moglie di 79) all’incrocio tra le vie Canonica e Cagnola di Treviglio.

Il giovane era in sella alla sua moto, una motard Ktm XL 125 e lo schianto è stato terribile: nessun segno di frenata sull’asfalto. Il giovane è stato sbalzato di sella e scaraventato a terra, proprio dietro la Vitara, mentre la sua moto è finita una quindicina di metri più distante, terminando la sua corsa senza controllo in un terreno accanto alla corsia di marcia del veicolo. Una passante ha cercato di rianimarlo con un massaggio cardiaco, ma non c’è stato nulla da fare.

L’auto coinvolta nell’incidente

L’auto coinvolta nell’incidente
(Foto by Luca Cesni)

Marco abitava a Calvenzano in via Treviglio con il papà Andrea, la mamma Anna Mapelli (cugina in secondo grado del sindaco di Calvenzano, Fabio Ferla) e la sorella Giulia.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo del 6 settembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA