Da ingegnere edile a macellaio Nicola ha riscoperto l’antico mestiere
Nicola Cazzaniga

Da ingegnere edile a macellaio
Nicola ha riscoperto l’antico mestiere

Assaggiando quei deliziosi cotechini di produzione propria che si sciolgono in bocca, un po’ si comprende la scelta di Nicola Cazzaniga - 31 anni e una laurea in Ingegneria edile - che ha mollato calcoli, progettazioni antincendio e corsi per mettersi dietro il bancone della macelleria di famiglia a Canonica d’Adda.

Chi è genitore può capire lo sconcerto di papà Elio e mamma Valeria, chi è giovane laureato alla ricerca di un posto fisso può comprendere gli sguardi attoniti dei canonichesi che se lo sono ritrovato in negozio, grembiule bianco e stivali di gomma d’ordinanza. «Stupiti ma non troppo, perché su quel banco sono cresciuto - racconta con la sicurezza di chi sa d’avere scelto col cuore -. D’estate davo sempre una mano ai miei genitori e quindi questo negozio è anche parte di me; i nostri clienti storici mi conoscono bene e sono molti quelli che, interpellati da papà, hanno commentato: ha fatto bene. Di questo sono convinto anche io. A Milano avevo un lavoro che non mi appassionava; certo lo svolgevo con attenzione e precisione perché la sicurezza è un argomento che merita competenza e impegno. Ma la passione era altrove, era qui nel negozio di famiglia».

I «puster» (così venivano chiamati i Cazzaniga nel dialetto locale, distinguendoli dall’altra famiglia di commercianti, i Mazzoleni, definiti i «becher») sono in effetti un’istituzione a Canonica sin dal 1895, tanto che nel 2015 l’attività può fregiarsi del titolo di negozio storico. In questo piccolo paese affacciato sull’Adda, erano il punto di riferimento per la spesa quotidiana e in negozio si può ammirare una splendida immagine con i tagli di carne esposti fuori dalla bottega, come si faceva un tempo. «Siamo fieri della nostra storia e con entusiasmo vogliamo continuarla - assicura Nicola che svela anche qualche progetto futuro -. Ho frequentato il corso di sommelier dell’Associazione italiana sommelier e vorrei ampliare questa offerta alla clientela; per questo a fine anno vorremmo eseguire alcuni lavori di innovazione e ampliamento».

Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola sabato 9 luglio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA