Il Frecciarossa testa l’Alta velocità Prove senza passeggeri sulla Mi-Bs
Il Frecciarossa 500 di Trenitalia

Il Frecciarossa testa l’Alta velocità
Prove senza passeggeri sulla Mi-Bs

Il treno Frecciarossa 500 di Trenitalia marcia già sulla nuova linea ferroviaria ad alta velocità Treviglio-Brescia che verrà attivata al traffico commerciale con il prossimo orario di dicembre.

Si tratta di un convoglio senza viaggiatori a bordo, che da alcune settimane circola sui due nuovi binari. In questi ultimi giorni il treno Frecciarossa 500 sosta all’altezza del casello di Bariano della Brebemi, che corre per buona parte del tracciato in affiancamento alla linea ferroviaria ad alta velocità. I tecnici lo chiamano pre-esercizio di una nuova linea e serve per testarla nei suoi vari aspetti prima di mettervi in circolazione i convogli con a bordo i passeggeri.

Il Frecciarossa che corre sui nuovi binari paralleli alla Brebemi

Il Frecciarossa che corre sui nuovi binari paralleli alla Brebemi
(Foto by Luca Cesni)

I lavori su questa nuova tratta di complessivi 39,6 chilometri sono in avanzatissima fase e lo si può vedere bene sia percorrendo la Brebemi, sia viaggiando in treno sulla linea tradizionale verso Brescia. Dove la nuova linea Av, attraverso l’interconnessione di Brescia Ovest, si collega alla stazione ferroviaria di questa città che sarà, dopo Milano, il secondo polo lombardo del sistema ferroviario ad alta velocità delle Fs. Su questa nuova linea Av non sono previste fermate in terra bergamasca perché i Frecciarossa da Milano faranno la prima sosta a Brescia.

L’Etr 500 di Trenitalia sui binari della Milano-Brescia

L’Etr 500 di Trenitalia sui binari della Milano-Brescia
(Foto by Comce Foto attualita cesni)

Le attese di miglioramento dei pendolari bergamaschi si legano però all’apertura di questa nuova linea perché dovrebbe liberare capacità su quella esistente e che serve la Bassa. Nel 2022, quindi tra 6 anni, sulla linea utilizzata dai pendolari ci potrebbero stare 75 coppie di treni regionali al posto delle attuali 51, quindi con un incremento del servizio pari al 50%. Dovuto al fatto che i treni della lunga percorrenza saranno tutti Frecciarossa e quindi in corsa sulla nuova linea ad alta velocità.


Leggi di più su L’Eco di Bergamo in edicola martedì 19 luglio 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA