Matilde ha concluso la sua lotta «Ma ci resta il suo grande sorriso»
La piccola Matilde

Matilde ha concluso la sua lotta
«Ma ci resta il suo grande sorriso»

Ha combattuto sino alla fine, «sempre sorridente e con una voglia di vivere esorbitante». Ma la fine è arrivata e la piccola Matilde, 33 mesi che per la letteratura scientifica dovevano essere 12 al massimo, ha concluso venerdì il suo viaggio.

«Malefica ha sconfitto Matilde nella vita terrena... ma lei vivrà nei nostri ricordi», ha scritto mamma Marta sulla pagina facebook Matilde6unica annunciando una notizia alla quale la famiglia era preparata da tempo, un tempo vissuto a inondare di allegria e positività ogni giorno trascorso al fianco della piccola grande Matilde . «Tutto sommato – prosegue il post – era anche la vostra nipotina, sorellina... la ricorderemo per il suo sorriso e per i suoi baci... non ci sono parole a tanto dolore».

Lo scorso 25 marzo la bambina di Albano Sant’Alessandro aveva compiuto 2 anni, un traguardo impensabile. Alla nascita i medici le avevano dato un anno di vita, non di più. Era affetta da un «deficit della proteina trifunzionale mitocondriale», una patologia metabolica genetica di cui esistono soltanto tre casi in Italia e meno di cento nel mondo. Per tenere a bada il suo più grande nemico, l’enzima Cpk che nel suo corpo era arrivato a valori astronomici, si può dire che la sua casa fosse ormai il Centro metabolico del San Gerardo «dove il giorno di Natale – spiega il papà Mirko Ferri – ha avuto un arresto cardiorespiratorio ed è stata trasferita al Papa Giovanni, in terapia intensiva. Nel giro di qualche giorno è arrivata la notizia che si stava prospettando la morte cerebrale, poi sopraggiunta nella notte tra giovedì e ieri. E alle 11 s’è fermato anche il suo cuore». Ora Matilde è a casa e non si contano le persone arrivate in via Madonna delle Rose 14 a darle l’ultimo bacio. «C’è tanto affetto intorno alla nostra storia diciamo straordinaria – riconosce Mirko –: di Matilde rimarrà tutto il bene che ha trasmesso, tutto l’affetto che ha fatto unire le due comunità di Albano e di Spirano» di cui è originario Mirko.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 30 dicembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA