Rubano un’auto al campo sportivo Inseguimento a Pontirolo con incidente

Rubano un’auto al campo sportivo
Inseguimento a Pontirolo con incidente

Arrestati due fratelli, sono una 27enne e un ragazzo minorenne. Tamponata e ferita anche l’occupante di un’autovettura urtata durante la folle corsa dei ladri.

Lunedì sera i carabinieri della Compagnia di Treviglio hanno arrestato in flagranza di reato per concorso di persone in furto pluriaggravato due fratelli sinti residenti nella provincia di Milano. I due, una 27enne ed il fratello minorenne di 17 anni, sono stati protagonisti di un rocambolesco inseguimento con le «gazzelle» dell’arma, dopo aver rubato un veicolo parcheggiato nei pressi del campo sportivo di Pontirolo Nuovo e aver messo a segno una spaccata.

Intercettata l’auto da parte delle pattuglie dei carabinieri di Fara Gera d’Adda e del Nucleo Radiomobile di Treviglio, è scattato un inseguimento a folle velocità fino a Canonica d’Adda dove tra l’altro l’autovettura dei fuggitivi ha tamponato un altro mezzo, mandando in ospedale l’occupante.

I ladri sono stati definitivamente bloccati a Vaprio d’Adda. Durante la corsa, i due fratelli, già noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti sempre per reati contro il patrimonio, hanno terminato la loro fuga urtando contro un marciapiede. I due hanno tentato anche di disfarsi di uno zaino dove era nascosta la refurtiva di una precedente «spaccata»: all’interno un portatile, del denaro contante e altra merce per un valore commerciale complessivo di oltre 1000 euro. La refurtiva è già stata restituita al legittimo proprietario.

Arrestati i due fratelli, alla donna di 27 anni è stato contestato anche il reato di resistenza a pubblico ufficiale a causa dell’inseguimento «ad alto rischio» intenzionalmente ingaggiato per garantirsi la fuga e quindi l’impunità. Il fratello, minorenne, anch’egli arrestato, si trova temporaneamente presso un Centro di Prima Accoglienza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA