Arrestato boss della ‘Ndrangheta Si nascondeva in provincia di Bergamo

Arrestato boss della ‘Ndrangheta
Si nascondeva in provincia di Bergamo

È stato arrestato in provincia di Bergamo il boss della ‘Ndrangheta Simone Cuppari, capo della omonima ’ndrina originaria di Brancaleone, in provincia di Reggio Calabria e con base a Francavilla al Mare (Chieti) da dove controlla attività di traffico di stupefacenti e riciclaggio.

L’operazione dei carabinieri di Carabinieri del comando provinciale di Chieti è scattata nel pomeriggio di martedì. Cuppari era ricercato dal febbraio del 2017, quando era sfuggito alla cattura nel corso dell’operazione “Design”, coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di L’Aquila e condotta dai carabinieri del Comando provinciale di Chieti. Il boss è stato rintracciato e arrestato dagli uomini dell’Arma in un’abitazione anonima della provincia di Bergamo. Cuppari è stato condannato in primo grado a 28 anni di reclusione per traffico di cocaina dal Tribunale di Chieti lo scorso mese di luglio in relazione alle indagini che hanno portato all’operazione “Shot 2009”, e su di lui pendevano tre ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dalle Dda di L’Aquila e di Reggio Calabria e dal Tribunale di Pescara per le operazioni “Sparta” e “Banco Nuovo” condotte dai Carabinieri di Pescara e di Locri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA