Boom passaporti, 11 mila da inizio anno Anche il questore in servizio allo sportello

Boom passaporti, 11 mila da inizio anno
Anche il questore in servizio allo sportello

Girolamo Fabiano ogni mattina dà una mano ai suoi agenti per far fronte alle richieste. «Sopperisco alla carenza d’organico. Ma ai cittadini dico: nessuno resterà senza documento».

Non si può certo dire che non si occupi personalmente della faccenda. Che non ci «metta la faccia». Sulla questione passaporti, il questore Giorolamo Fabiano ha preso l’espressione alla lettera, al punto di lasciare ogni mattina il suo ufficio ai piani alti di via Noli per scendere al pianterreno e ricevere i cittadini allo sportello, come un qualunque impiegato. «Qualche volta alle 8,30, qualche volta alle 9, ma ci vado. Mi rimbocco le maniche e aiuto a fare le pratiche», ammette. La sua è una presenza in incognito: «Chi mi conosce mi conosce, altrimenti pazienza. Non c’è il cartello “questore” sopra la mia testa. Sono lì per faticare».


© RIPRODUZIONE RISERVATA