Firme da collezione,  Shakespeare al top Il suo nome vale 4,65 milioni di dollari
La firma di William Shakespeare

Firme da collezione, Shakespeare al top
Il suo nome vale 4,65 milioni di dollari

Attorno alle carte vergate e/o firmate di pugno dei grandi della politica, della letteratura, dell’arte, della religione, c’è un vero e proprio mercato. Molto ricercata anche la firma del Santo Papa Giovanni XXIII. «Galileum autografi» è specializzata in autografi da collezione. Su «L’Eco» in edicola oggi, domenica 23 giugno, l’intervista al co-titolare, Stefano Fortunati.

Quanto valgono gli autografi dei personaggi famosi? Attorno alle carte vergate e/o firmate di pugno dei grandi della politica, della letteratura, dell’arte, della religione, c’è un vero e proprio mercato. «Galileum autografi», con sede a Scarperia, nei pressi di Firenze, è specializzata in autografi da collezione. Stefano Fortunati, co-titolare, spiega che tra i pezzi di maggior valore metterebbe «al primo posto l’autografo di William Shakespeare, rarità assoluta: una vera e propria chimera collezionistica». Il pezzo? «“Soltanto” 4,65 milioni di dollari». Anche la firma del Santo Giovanni XXIII è «a tutt’oggi quella di uno dei Papi più ricercati dai collezionisti. Ci sono cose interessanti del periodo in cui era nunzio apostolico a Parigi».

La firma di Papa Giovanni XXIII

La firma di Papa Giovanni XXIII


Leggi l’intervista di Vincenzo Guercio acquistando a 0,99 euro la copia digitale de «L’Eco di Bergamo» di domenica 23 giugno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA