«Fontana assassino»: dopo  le minacce  il presidente della Regione sotto scorta
Il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana

«Fontana assassino»: dopo le minacce
il presidente della Regione sotto scorta

Da due giorni il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, è sotto scorta a fronte delle minacce ricevute.

La conferma viene mercoledì 27 maggio dagli stretti collaboratori del presidente lombardo, che precisano come non sia stato il governatore a chiederla ma che hanno ritenuto di assegnargliela.

La prefettura di Varese, città in cui Fontana risiede e di cui è stato sindaco, avrebbe preso la decisione dopo le scritte «Fontana assassino» apparse sui muri nei giorni scorsi a Milano, i volantini intimidatori, sempre a firma dei Carc (Comitati di appoggio alla resistenza per il comunismo), e le minacce a lui rivolte sul web.

Al centro degli attacchi la contestata gestione della crisi sanitaria regionale per il Covid-19 da parte di Fontana e della sua Giunta. Nei suoi spostamenti il presidente è quindi seguito da un’auto di scorta con un agente.


© RIPRODUZIONE RISERVATA