Frode fiscale milionaria, arrestata 43enne Il marito era già in carcere: stesso reato

Frode fiscale milionaria, arrestata 43enne
Il marito era già in carcere: stesso reato

Romano di Lombardia. Arrestata una professionista a capo, insieme al marito già in carcere, di un’organizzazione che ha truffato il fisco per decine di milioni di euro.

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Bergamo, coordinati dalla Procura della Repubblica, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di una 43enne, titolare di fatto di uno studio professionale con sede in Romano di Lombardia e Bergamo, finita agli arresti domiciliari con l’accusa di aver ideato, insieme al marito, una frode fiscale quantificata in circa 8 milioni di euro.

I provvedimenti, firmati dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Bergamo, Federica Gaudino, su richiesta del Pubblico Ministero Antonio Pansa, giungono all’epilogo di un’articolata indagine condotta dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Bergamo nel corso della quale sono stati denunciati, a vario titolo, per omessa presentazione della dichiarazione, indebite compensazioni d’imposta e bancarotta 17 soggetti, tra professionisti e rappresentanti legali di imprese.

Le indagini dei Finanzieri si sono concentrate su due professionisti, coniugi, titolari di fatto un avviato studio di elaborazione dati, già arrestati in passato per reati tributari i quali, come osserva il GIP nel provvedimento di arresto, hanno continuato a porre in essere la medesima attività illecita, servendosi di prestanome compiacenti, a cui hanno intestato formalmente il loro studio. Attraverso ispezioni contabili, indagini bancarie e la raccolta di diverse testimonianze, i militari hanno ricostruito il meccanismo evasivo basato sulla creazione, in capo ad una società riconducibile ai due principali indagati - dichiarata fallita dal Tribunale di Bergamo dietro richiesta del P.M. - di un ingente e fittizio credito IVA, generato tramite l’annotazione di false fatture. Successivamente, anche grazie all’intermediazione di due professionisti operanti sulle piazze di Bergamo e Milano, il finto credito è stato ceduto, mediante specifici contratti, ad diverse imprese e persone fisiche che lo hanno utilizzato per compensare a loro volta imposte a debito. In altri casi, sono stati direttamente gli indagati ad accollarsi il debito tributario dei clienti, dietro corrispettivo, per poi compensarlo con i crediti fasulli.

Una frode fiscale basata su “accolli di debiti” e “cessioni di crediti” che ha visto coinvolte, allo stato, 49 tra società e persone fisiche, con sede nelle provincie di Bergamo, Milano, Brescia, Cremona, Venezia, Vicenza, Roma, Napoli e Catania, nei confronti delle quali sono scattati i sequestri dei conti fino alla concorrenza di circa 8 milioni di euro.

Il GIP ha, inoltre, disposto il sequestro preventivo dello studio professionale al centro delle indagini, nominando un amministratore giudiziario. Non è stato invece necessario adottare alcun provvedimento restrittivo nei confronti dell’altro principale indagato, un quarantanovenne residente a Misano di Gera D’Adda, marito della donna tratta in arresto, in quanto già detenuto, per espiare una pena sino al febbraio del 2030. Sono al vaglio dei militari e del nuovo amministratore ulteriori operazioni poste in essere dai predetti professionisti volte a far evadere le imposte ai propri clienti. Prosegue dunque l’attività della Guardia di Finanza di Bergamo indirizzata a contrastare le forme più gravi di evasione. Un’azione di servizio tesa a garantire oltre gli interessi dell’Erario, anche il fondamentale rispetto delle regole del mercato, a salvaguardia dell’economia sana e della leale concorrenza tra imprese.


© RIPRODUZIONE RISERVATA