Il degrado che tutti conoscono Lungo la ferrovia allarme spaccio

Il degrado che tutti conoscono
Lungo la ferrovia allarme spaccio

È sotto gli occhi di tutti, senza alibi, in una delle porte d’ingresso della città, tra incuria e droga.

La stazione si racconta purtroppo anche così, nei suoi angoli di degrado: un «tappeto» di bottiglie e cocci, abiti abbandonati, siringhe a terra. Siamo lungo la ferrovia e la situazione non cambia, che sia giorno oppure notte. Eppure, la presenza delle forze dell’ordine qui si vede e si sente. C’è il controllo ordinario e quello straordinario; i blitz, nei tempi recenti, si sono susseguiti con la cadenza di uno a settimana.

Accanto ai muri degli edifici che s’allungano – nella direzione che imboccano i treni per Seriate – dopo il termine del marciapiede del primo binario, bivaccano piccoli gruppetti. Una quindicina di persone in tutto: stranieri, italiani, giovani, adulti, uomini e donne. All’ombra dei «casermoni» della stazione, il grande bazar a cielo aperto della droga.

Approfondisci di più l’argomento con due pagine che trovi acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 7 luglio

© RIPRODUZIONE RISERVATA