Il fratello: se vedete Miriam fermatela La Prefettura: pronti ad avviare le ricerche
Vittorio Mazzocchi con la giornalista di «Chi l’ha visto?»

Il fratello: se vedete Miriam fermatela
La Prefettura: pronti ad avviare le ricerche

Il fratello di Miriam, Vittorio Mazzocchi, parla a «Chi l’ha visto?» e chiede aiuto: «Abbiamo bisogno che intervenga la Protezione civile, abbiamo bisogno di uomini, di mezzi, del supporto dei cani che la possano cercare insieme a noi». Dalla Prefettura: «Già una riunione, stiamo organizzando il piano di ricerche e stiamo valutando di utilizzare anche un elicottero per sorvolare la Bergamasca».

Vittorio Mazzocchi ha partecipato mercoledì sera 21 marzo alla trasmissione di Rai Tre «Chi l’ha visto?» e fa un appello accorato: «Chiediamo aiuto, se qualcuno vuole aiutarci nelle ricerche può farsi avanti, siete i benvenuti - spiega Vittorio -. Sto coordinando io le ricerche e chiedo l’intervento del prefetto perché ci aiuti: ci servono persone, auto, mezzi, e in particolare la Protezione civile che conosce al meglio il territorio».

Vittorio Mazzocchi fornisce le informazioni che ha a disposizione: «Miriam manca da casa da lunedì mattina. Era uscita con la macchina, poi martedì abbiamo ritrovato la vettura, una Golf di colore grigio, in via Pelandi. Le chiavi di casa e della macchina le abbiamo ritrovate nella casella della posta». Vittorio chiede aiuto, sia alla Protezione civile, sia ai bergamaschi: «Servono persone per cercare Miriam e l’appello è anche di fermarla se per caso venisse avvistata».

Il fratello rimanda alle informazioni che da martedì girano nella Rete e a come mettersi in contatto con la famiglia per dare una mano nelle ricerche. Poi sottolinea: «Miriam ha un piumino nero leggero, senza cappuccio, un paio di jeans, non ha borsa ma ha con sè i documenti e soldi, ma non ha il cellulare».

La conduttrice della trasmissione ha anche aggiunto: «Una riunione a Bergamo è stata fatta per definire le ricerche: si tratterebbe di un allontanamento volontario secondo quanto ci è stato riferito, ma l’appello è quello di attivarsi per trovare la mamma di Bergamo: fino a che non la si trova non si può sapere quale siano le motivazioni» ha detto Federica Sciarelli. E la giornalista chiede agli abitanti della zona di via Pelandi di mettere a disposizione possibili filmati delle telecamere delle vie limitrofe.

Durante la trasmissione è intervenuto anche il viceprefetto Adriano Coretti: «Abbiamo già attivato il piano provinciale per la ricerca delle persone scomparse - ha spiegato -. Nel pomeriggio di mercoledì si è già svolta la prima riunione e la preoccupazione dei familiari è condivisa: tutte le forze dell’ordine e il sistema della protezione civile sono sul pezzo per raccogliere tutte le informazioni e gli elementi utili per orientarsi nelle ricerche». E aggiunge: «In base a come si svilupperanno le prossime ore stiamo anche prevedendo l’uso di un elicottero per sorvolare la Bergamasca. Al momento non abbiamo ancora ingaggiato uomini e cani molecolari solo perchè mancano gli elementi per dare il via a ricerche mirate sul territorio».


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 22 marzo

© RIPRODUZIONE RISERVATA