Il «Vittorio Emanuele» in lutto per la morte del bidello Marco

Il «Vittorio Emanuele» in lutto
per la morte del bidello Marco

Quello che faceva non era solo un mestiere, ma qualcosa di più. Marco Ferraris, il quarantottenne morto lunedì sera a Ranica a seguito di uno scontro in auto contro un camion, era bidello all’Istituto tecnico commerciale Vittorio Emanuele II, in città.

Un ruolo che viveva con passione, riuscendo a farsi amare da tutti. La dirigente scolastica Patrizia Giaveri e il suo staff ricordano Marco Ferraris con commozione: «Abbiamo conosciuto Marco come un uomo semplice e volenteroso – dice – che sapeva portare il suo essere cittadino nel lavoro di tutti i giorni. A lui dobbiamo, tra le altre cose, l’allestimento del cortile della scuola che è ispirato a Mondrian, perché ha passato l’estate a predisporne l’arredo. Amava il suo mestiere e la scuola. Capiva l’importanza del suo lavoro per la società. Il nostro pensiero è che si sia portato dietro in questo suo volo verso il cielo i colori giallo, rosso e blu del nostro cortile». Una perdita che a scuola ha scosso tutti. Martedì è stato anche ricordato in collegio docenti con un minuto di silenzio.

Marco Ferraris

Marco Ferraris

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 19 settembre 2018

© RIPRODUZIONE RISERVATA