Rotte aeree bocciate, è bagarre politica  Video sul traffico voli degli ultimi tre anni

Rotte aeree bocciate, è bagarre politica
Video sul traffico voli degli ultimi tre anni

È stato un errore, anzi un fallimento. Le opposizioni prendono al volo (è il caso di dirlo) le conclusioni di Arpa sulle rotte sperimentali, ma il sindaco Gori non ci sta e respinge le accuse. Un video che compara le rotte negli ultimi tre anni.

Chiare le conclusioni di Arpa sulle rotte sperimentali: 1.100 persone in più esposte a oltre 60 decibel nella fase del decollo. Un numero che le opposizioni prendono al volo per mettere sotto accusa la politica del sindaco di Bergamo Giorgio Gori sull’aeroporto. Il succo: lui un anno fa ha voluto i nuovi tracciati, lui ora si prende la responsabilità del dietrofront, che non porta nessun miglioramento per i quartieri e i Comuni limitrofi al Caravaggio.

Lo scontro porto dritto dritto a una campagna elettorale che giocoforza vedrà nello scalo di Bergamo uno degli snodi cruciali. Con il centrodestra e i 5 Stelle che si allineano ai comitati di quartiere nel chiedere un tetto allo sviluppo e ai voli notturni. Il sindaco però non ci sta: «Le opposizioni sbagliano a strumentalizzare questa vicenda. I fatti sono diversi» commenta Giorgio Gori, che sottolinea: «La legge impone che la Commissione aeroportuale disponga tutto il possibile per attenuare il rumore; la commissione ha ricevuto le stime di Arpa che parlavano di oltre 3.200 (scesi poi a 2.600) individui che si sarebbero avvantaggiati delle nuove rotte. Se i risultati oggi sono così difformi è evidente che non si possa andare avanti».

Con questo video anche Socialbeat - società che si occupa di analisi dei dati in tempo reale - conferma come i disagi creati dall’aeroporto si siano allargati, anziché diminuire, in questo ultimo periodo. «Dall’esame delle curve – commenta il fondatore di Socialbeat Marco Sangalli – risulta evidente come con la sperimentazione si sia allargato il fronte dell’impatto e quindi le aree interessate. Possiamo dire che rispetto ai dati del 2016 i cittadini coinvolti dal rumore siano aumentati di numero, come del resto rilevato dalla stessa Arpa». I grafici elaborati da Socialbeat si basano sul periodo da maggio fino al 1° settembre per i tre anni 2016 - 2017 - 2018, quindi prima e dopo la sperimentazione, monitorando tutti i giorni una serie dei 16 mila voli in partenza da Orio. Nel momento del decollo, che è quello più impattante, dai grafici si evince quindi che la fascia del disagio si allarga: se nel 2016, infatti, la fascia era una sola e unica, nei due anni successive le fasce diventano due, dimostrando come la popolazione colpita dall’impatto sia più numerosa. La fascia, infatti, si estende anche ai comuni dell’hinterland più esterni.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo dell’11 novembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA