Mobike, è parcheggio selvaggio Giro di vite (e multe) in arrivo

Mobike, è parcheggio selvaggio
Giro di vite (e multe) in arrivo

Con l’arrivo del 2018 arriveranno anche le prime contravvenzioni. Ma ad oggi il Comune non dispone dei nominativi di chi ha scaricato l’applicazione.

I più incivili l’hanno lasciata nel Morla o nella fontana di Porta Nuova. Casi isolati, fortunatamente. Ma il problema del parcheggio selvaggio delle Mobike esiste: vero che sono biciclette a noleggio dotate di sistema Gps, che attraverso un’applicazione scaricabile sul cellulare, è possibile prendere e lasciare in un qualsiasi punto della città. Ma il qualsiasi va un attimo ridefinito.

Con l’arrivo del 2018 arriveranno anche le prime contravvenzioni; in questi giorni la polizia locale sta documentando alcune situazioni, verificando le segnalazioni giunte al comando. Nei primi giorni dell’anno, dunque, Comune e azienda di noleggio si incontreranno per fare il punto della situazione. A oggi il Comune non dispone dei nominativi di chi ha scaricato l’applicazione; l’unica soluzione – un po’ come succede per le auto a noleggio – sarebbe quella di multare l’azienda, che a sua volta potrebbe rivalersi sull’ultimo utilizzatore. Sempre che, nel frattempo, qualcuno non l’abbia spostata a mano. Ed è qui che la faccenda si complica.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale dell’Eco di Bergamo del 29 dicembre 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA