Moovin’, per una vita attiva Nella sfida dei passi vince la salute

Moovin’, per una vita attiva
Nella sfida dei passi vince la salute

Ancora pochi chilometri e Moovin’ toccherà la luna. La distanza fra la terra e il satellite, infatti, è il nuovo obiettivo fissato da Ats, Comune di Bergamo, Università e L’Eco, organizzatori dell’iniziativa dedicata alla sensibilizzazione ai benefici della vita attiva.

Mancano poco meno di 50 mila chilometri perché l’insieme degli utenti che hanno scaricato l’app usandola regolarmente raggiungano l’ambito traguardo. Una distanza da coprire con la media di 50 mila passi al giorno, quella fatta registrare negli ultimi giorni dalle 9 mila persone iscritte al programma. Una serie di numeri importanti, che testimoniano il successo di un’iniziativa che dal giorno della suo avvio lo scorso 8 aprile ha visto crescere il numero di download dell’app e il suo utilizzo. È stato così che in soli tre giorni i camminatori di Moovin’ hanno coperto il giro della terra, realizzando in passi compiuti la stessa lunghezza dell’equatore e costringendo gli organizzatori a fissare obiettivi molto più ambiziosi.

Fino al 6 maggio Moovin’ resterà nelle tasche dei bergamaschi continuando a contare passi e alimentando la sfida fra singoli utenti, gruppi e territori. Proprio il suo carattere competitivo resta, a detta di molti, la vera qualità vincente dell’iniziativa. Poter confrontarsi ed essere premiati per il raggiungimento dei propri traguardi è ciò che ha reso Moovin’ una app consultata quotidianamente dagli utenti che ne hanno raccolto l’invito a migliorare i propri traguardi. Il successo di queste tre settimane è condiviso anche dall’Università degli studi di Bergamo attraverso le parole del prof. Paolo Buonanno Pro-Rettore alla Ricerca: «L’iniziativa va nella giusta direzione di promuovere corretti stili di vita attiva, direzione intrapresa anche nel continuo potenziamento della ricerca e dell’offerta formativa in tema di salute, e si coniugano con i nostri progetti per favorire l’attività sportiva». Proprio l’Università infatti è impegnata nella progettazione del nuovo Cus (centro universitario sportivo) da realizzare alla ex caserma Montelungo, sottolineando l’attenzione che da sempre l’istituto dedica allo sport.

Per ciò che riguarda le classifiche, la terza settimana fa registrare tante conferme e qualche exploit. Innanzitutto crescono i numeri di utilizzo, quasi 1.200 persone hanno iniziato a usare l’app solo nell’ultima settimana portando a 9.000 il numero degli utenti. Le donne restano sempre le più numerose, superando le 5 mila iscritte. La quarantottenne Carmen Barboni è ancora la prima delle donne della classifica, impegnata con le sorelle Patrizia, Carla, Giovanna e Graziella nel cammino materano tra la Puglia e la Basilicata. In cima alla classifica resta la coppia composta da Sergio Fusaro ed Evasio Re che stanno per dare vita a un vero e proprio arrivo in volata seguiti da Carlo Zambelli. Fra i gruppi il podio resta in mano alla triade «Foreveryoung», «San Paolo Gym Tonic» e «Ciccio Polenta», ma la classifica registra l’incredibile rimonta della «farmacia Peschiulli» che in una settimana è risalita dalla 17a alla 5a posizione. Dalmine, Albino, Sorisole, Seriate e Nembro restano i comuni più virtuosi della Bergamasca mentre è Branzi, questa volta a diventare il fanalino di coda di Moovin’. In città il centro di Bergamo guida la classifica dei quartieri seguito da Borgo Palazzo e Borgo Santa Caterina che scavalca di misura San Paolo, mentre Valverde resta la zona più sedentaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA