Sciopero generale, venerdì di disagi Trasporti e scuola: rischio caos

Sciopero generale, venerdì di disagi
Trasporti e scuola: rischio caos

Treni, aerei, scuola: venerdì rischio caos per lo sciopero generale indetto da molte sigle sindacali. La mobilitazione generale durerà 24 ore per tutte le categorie di lavoratori.

Rischio caos venerdì 26 ottobre a causa dello sciopero generale indetto dai sindacati di base Usi, Cub, Sgb e Sial Cobas. I settori in cui potrebbero verificarsi più disagi sono i trasporti pubblici e la scuola. Lo sciopero riguarderà tutto il personale a tempo indeterminato e determinato, con contratti precari e atipici, tutti i comparti, aree pubbliche (compresa la scuola) e le categorie del lavoro privato e cooperativo.

Per i pendolari bergamaschi potrebbero esserci disagi (extra, rispetto alla norma) sui treni di Trenord.

TRENORD - Lo sciopero di 20 ore inizierà alle ore 21 di giovedì 25 ottobre, con i convogli di Trenitalia, Italo e Trenord che potranno essere costretti al blocco. «Dalle ore 21.00 di giovedì 25 alle ore 21.00 di venerdì 26 ottobre 2018 è stato proclamato uno sciopero generale dei Settori Pubblico e Privato che coinvolge il settore del trasporto ferroviario regionale e al quale potrebbe aderire sia il personale appartenente al Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane sia quello appartenente a TRENORD – informa la società in una nota -.

Giovedì 25 ottobre viaggiano regolarmente i treni già in corsa o con partenza prevista prima delle ore 21.00 e che arrivano a destinazione entro le ore 22.00;

Venerdì 26 ottobre viaggiano i treni presenti nella lista dei servizi minimi garantiti e che rientrano nelle fasce orarie garantite 6.00-9.00/18.00-21.00

Rispettate le fasce orarie di garanzia dalle 6.00 alle 9.00 e dalle 18.00 alle 21.00».

ATM - A Milano, il blocco riguarderà metro e mezzi di superficie, tram e autobus di Atm. «L’agitazione del personale viaggiante e di esercizio sia di superficie sia della metropolitana - ha segnalato l’azienda trasporti milanesi - è prevista dalle 8,45 alle 15 e dalle 18 al termine del servizio». Nel resto della giornata - da inizio servizio alle 8.45 e dalle 15 alle 18 - nel rispetto delle fasce di garanzia, i mezzi dovrebbero funzionare senza problemi.

SCUOLA - Potrebbero esserci disagi anche nelle scuole bergamasche: il ministero dell’Istruzione ha invitato i titolari degli uffici scolastici regionali a dare comunicazione alle scuole dello «sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati» proclamato dalle associazioni sindacali «Cub, Sgb, Si Cobas, Usi-Ait e Slai Cobas»; al quale ha aderito anche «l’organizzazione sindacale Cub Sur relativamente ai settori scuola, università e ricerca» e «l’organizzazione sindacale Sisa – Sindacato Indipendente Scuola e Ambiente».Per l’intera giornata potrebbe astenersi dal lavoro l’intero personale scolastico, sia a tempo indeterminato, sia a termine, compresi precari e atipici.


© RIPRODUZIONE RISERVATA