Svastiche alla sede del Pd a Bergamo  «Atto intimidatorio, non ci spaventa»
Uno dei muri imbrattati a Bergamo

Svastiche alla sede del Pd a Bergamo
«Atto intimidatorio, non ci spaventa»

Nella notte tra giovedì e venerdì la facciata della federazione provinciale del Pd di Bergamo è stata imbrattata con delle svastiche. La targa del partito è stata invece coperta con spray nero.

«Se pensano che questi gesti vigliacchi possano in qualche modo intimidirci si sbagliano di grosso - commenta Davide Casati, segretario provinciale del Pd -. L’unico rammarico, oltre a quello che ora la facciata del condominio andrà ripulita, è che ci sia ancora gente che non si vergogna a diffondere il simbolo dell’odio e dell’orrore che fu il nazismo. I rigurgiti nazifascisti a cui stiamo assistendo di questi tempi non vanno sottovaluti e non dobbiamo abbassare la guardia. Quello di questa notte è stato un gesto grave e intimidatorio, e che perseguiremo attraverso i canali idonei».

«Quello di questa notte è solo l’ennesimo di reiterati atti di teppismo a sfondo nazifascista alla nostra sede che non possono passare come semplici provocazioni nei confronti del Partito Democratico - dichiarano l’onorevole Elena Carnevali e il Senatore Antonio Misiani, parlamentari bergamaschi del Partito Democratico - Non è la prima volta che la nostra federazione provinciale è bersaglio di gesti vandalici da parte dell’estrema destra. Noi non ci facciamo intimidire ma nemmeno vogliamo sottovalutare la gravità di attacchi come questo. Vanno individuati i responsabili e puniti. Adesso auspichiamo solidarietà da tutte le forze politiche per l’ennesimo attacco alla nostra sede con richiamo alla simbologia nazifascista che va duramente condannato».


© RIPRODUZIONE RISERVATA