Giovedì 03 Novembre 2011

Al via La commedia dell'Arte
e il Nuovo Teatro Popolare

Giovedì, allo spazio Viterbi della Provincia di Bergamo, si è tenuta la presentazione del VII Festival internazionale di Commedia dell'Arte e di Nuovo Teatro Popolare " Zani et Arlichini 2011”.locandina raffigurant due maschere della commedia dell'arte con screitta rosa zani et arlichini.

Sono intervenuti Giovanni Milesi, assessore alla Cultura, Spettacolo, Identità e Tradizioni; Pietro Isacchi, consigliere provinciale; Marco Rota, direttore artistico; Dario Barezzi, regista.

L'evento si inserisce nel solco delle precedenti edizioni e prevede la collaborazione con i principali Festival di Commedia dell'arte europei per la realizzazione di progetti di respiro internazionale. A livello locale il Festival in collaborazione con Provincia e Comune di Bergamo propone "La Commedia dell'Arte nelle Case”, che verrà realizzata nell'ambito del cartellone del Teatro Sociale "Casa delle Arti”.

"La Provincia sostiene questo Festival, ormai consolidato negli anni. La Commedia dell'arte è una grande tradizione della nostra storia, e attraverso rassegne come questa, occupa spazi con modalità molto vicine alla gente, che sono popolari senza togliere qualità agli spettacoli", dichiara l'assessore Giovanni Milesi.

Il consigliere Pietro Isacchi ha lodato l'iniziativa che può rilanciare l'aspetto culturale e far conoscere il territorio."I personaggi  della Commedia dell'arte sono legati alla tradizione popolare e portano in tutti i luoghi questa antica arte del nostre essere bergamaschi".

"Il nostro tentativo è quello di fare un nuovo teatro popolare che si confronta con altri teatri europei e che porta spettacoli popolari proprio nei luoghi predisposti come spazio di incontro per le comunità che le vivono: il carcere, l'albergo popolare...", spiega il direttore artistico Marco Rota.

A Cisano Bergamasco il debutto venerdì 4 novembre con un'introduzione dell'Università di Bergamo sull'attualità della Commedia dell'arte e sull'importanza di Bergamo nella nascita di questo genere teatrale, che ha portato l'immagine di Bergamo, Venezia e Italia in tutto il mondo. In programma la rappresentazione "Scaramouche” di una primaria compagnia europea di Commedia dell'Arte, THEATRE DELL'ARTE di Parigi con la regia di Carlo Boso, il debutto nazionale della spettacolo di Commedia dell'Arte "Amaca a tre piazze” della compagnia ArsComica di Reggio Emilia diretta da Antonio Fava, e la ripresa dello spettacolo storico di Teatro Viaggio in occasione del decennale del suo debutto "Zani Padrone di se stesso".

Il Festival propone inoltre eventi collaterali in collaborazione con la rassegna teatrale "Il Tralcio”: una esposizione di Maschere di Commedia dell'Arte di Antonio Fava e una mostra fotografica di Stefano Testa sulle precedenti edizioni.

Per quanto riguarda i progetti internazionali, il Festival punta alla realizzazione di un documentario sulla della figura dello "Zani bergamasco” nel passato e nel futuro della Commedia dell'arte, che verrà realizzato in collaborazione con partner europei. "Sarà un docufilm con due protagonisiti che partono da Bergamo e girano l'Europa, incontrano il teatro dell'arte sul territorio europeo per poi tornare a Bergamo e ritrovare lo Zani e l'Arlechino. La produzione, tutta bergamasca, è legata al finanziamento della comunità europea. Pensiamo che potremo iniziare già nella primavera 2012", annota i regista Dario Barezzi.

a.ceresoli

© riproduzione riservata