Capolinea 65, giù la saracinesca  dello storico locale dei biker
Il Bar Capolinea 65 a Ponteranica

Capolinea 65, giù la saracinesca
dello storico locale dei biker

A Ponteranica è stato il punto di riferimento di generazioni di motociclisti. Il contratto d’affitto non è stato rinnovato.

«L’aneddoto più divertente? Ho ospitato un matrimonio con ben 120 moto Harley, e siamo stati “invasi” in occasione del passaggio del Giro d’Italia e dell’adunata degli Alpini. Qua sul provinciale me ne sono accadute talmente tante che sto pensando seriamente di scriverci un libro». Matteo Riceputi ha chiuso il suo Bar Capolinea 65 alla Ramera di Ponteranica, all’incrocio tra via Faustina e la Strada al Mulino, e ora cerca di guardare il bicchiere mezzo pieno, proprio come i boccali della sua Paulaner da Monaco di Baviera che hanno saziato la sete di generazioni di biker e non. «Guai a toccarla, con i cambi di birra nelle precedenti gestioni la gente si era ribellata – scherza Riceputi, prima di tornare serio –. Purtroppo non mi è stato rinnovato il contratto d’affitto, dispiace perché il locale è storico». Un bar che esiste dagli anni ’50 e che il trentanovenne di Ponteranica ha preso in gestione da quando ne aveva solo ventisette: «Qua ho compiuto tutto il mio percorso di gavetta e crescita, prima come cliente, poi come dipendente e infine rilevando il locale come titolare». Dopo 12 anni di gestione, è arrivato il momento dell’addio. 


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 15 giugno 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA