La grande festa finale di Bollinopoli   Tra premi, magia e tante imitazioni
I premiati con Dario Ballantini e Magic Mariano (Foto by Foto Frau)

La grande festa finale di Bollinopoli

Tra premi, magia e tante imitazioni

Il concorso de L’EcoSi è concluso con l’appuntamento al Centro commerciale Le Due Torri Due gli ospiti di eccezioni: Magic Mariano e Dario Ballantini. Il 28 la consegna delle tre auto.

È stata prima di tutto una festa quella di domenica al Centro Commerciale Le Due Torri shopping center in occasione della premiazione dei 31 fortunati vincitori del concorso Bollinopoli. Un appuntamento che oltre alla consegna delle buste con i buoni acquisto, si è colorata di musica, fontane di cioccolato e della simpatia di due personaggi d’eccezione come Magic Mariano e Dario Ballantini che hanno intrattenuto il pubblico a suon di parodie, canzoni e numeri di magia. Quello della premiazione di metà gennaio sta diventando, per il concorso indetto da L’Eco di Bergamo e il Centro Commerciale di Stezzano «un appuntamento ormai tradizionale», come ha ricordato Alberto Vergalli che in rappresentanza de L’Eco di Bergamo ha consegnato fisicamente ai vincitori le buste contenenti le gift card. Anche quest’anno, infatti, ciascuno dei premiati, si è aggiudicato un buono d’acquisto del valore totale di 240 euro, suddiviso questa volta in dodici card da 20 euro ciascuna, spendibili in tutti i negozi de Le Due Torri shopping center. Buoni che si aggiungono a quelli già assegnati nei giorni scorsi agli oltre quattrocento appassionati lettori estratti fra i vincitori del concorso e che si aggiungono ai venti iPhone 7, ai dieci tv Samsung 4K 55 pollici e alle tre automobili Suzuki Ignis che compongono il montepremi finale.

Il prossimo appuntamento con Bollinopoli sarà domenica 28 gennaio alle 10, presso la concessionaria Autorota di Bergamo, per la consegna ufficiale delle tre Suzuki Ignis 1,2 2wd Cool messe in palio dalla stessa concessionaria.

Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 15 gennaio

© RIPRODUZIONE RISERVATA