Ryanair, caos tariffe sui bagagli L’aumento anche per chi ha già il biglietto

Ryanair, caos tariffe sui bagagli
L’aumento anche per chi ha già il biglietto

L’aumento deciso per novembre da Ryanair è richiesto anche a chi ha già un biglietto, acquistato nei mesi scorsi. E le polemiche crescono sui Social.

Il senso è questo: dal 1° novembre bisognerà pagare il bagaglio a mano più grande e l’informativa è stata diffusa dalla compagnia low cost irlandese lo scorso 23 agosto. Una policy annunciata e definita sulle prenotazioni dal 1° settembre: per salire a bordo con il secondo bagaglio (il primo si intende lo zaino o la borsetta da mettere sotto il sedile) si dovranno pagare 6-8 euro acquistando l’imbarco prioritario, oppure si dovrà mandare il bagaglio in stiva pagando dagli 8 ai 10 euro. Una salassata per molti dopo che i viaggiatori sono stati abituati al tutto gratuito.

Il problema è che molti viaggiatori che hanno acquistato il biglietto prima dell’informativa stanno ricevendo mail che annunciano l’addebito della spesa: «Se porti un secondo bagaglio o se la tua borsa è troppo grande per stare sotto il sedile - spiega la mail - ti verranno addebitati 25 euro. In alternativa puoi acquistare l’imbarco prioritario o mandare in stiva i bagagli». Uno dei voli incriminati è il Palermo-Orio al Serio in programma il 5 novembre.

Una bella fregatura e una domanda sorge spontanea e già circola in Rete: ma la nuova policy può essere applicata retroattivamente sui voli di novembre ma prenotati prima dell’informativa? Biglietti quindi acquistati senza sapere delle novità in termini di costi. E ora la mossa rischia di coinvolgere nuovamente l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA