Soldi  in dogana a Orio,2.7 milioni in 6 mesi Ristoratore di Seriate  con 100 mila euro

Soldi in dogana a Orio,2.7 milioni in 6 mesi
Ristoratore di Seriate con 100 mila euro

I dati della Guardia di Finanza nei primi sei mesi del 2019 alla frontiera aeroportuale di Orio al Serio. Fermato un passeggero, titolare di un ristorante a Seriate, che nascondeva oltre 100 mila euro in contanti, frutto di evasione fiscale.

È alto il livello di attenzione dei finanzieri della Compagnia di Orio al Serio sui movimenti transfrontalieri di valuta, specialmente nel periodo estivo quando il numero dei passeggeri in transito negli aeroporti aumenta. Dall’inizio dell’anno, i militari della Guardia di Finanza in servizio presso lo scalo aeroportuale di Orio al Serio, in collaborazione con i funzionari doganali, hanno verbalizzato 210 persone, sorpresi a trasportare, senza dichiararli, complessivamente oltre 2.7 milioni di euro.

L’azione di contrasto ai traffici illeciti di valuta consente da un lato di infliggere sanzioni ai responsabili delle infrazioni accertate e di sequestrare le somme di denaro trasportate in violazione alle norme sui movimenti transfrontalieri di denaro, ma si pone anche e soprattutto l’obiettivo di risalire all’origine dei soldi che spesso nasconde a monte attività illecite di varia natura.

Caso rilevante è quello di un cittadino turco, titolare di un esercizio di ristorazione a Seriate, fermato dai Finanzieri, con oltre 100 mila euro in contanti nascosti all’interno del bagaglio a mano. Un vero e proprio tesoretto che l’uomo aveva intenzione di portare - senza dichiararlo - nel suo Paese di origine. «Soldi di amici e parenti» ha provato a giustificarsi una volta scoperto dai militari, senza però convincerli. Ipotizzata l’origine illecita del contante, il denaro è stato sottoposto a sequestro. Sono scattati, nel frattempo, gli approfondimenti per capire da dove provenisse una somma così ingente di contanti.

Le verifiche e i controlli, anche presso l’abitazione e il ristorante di Seriate, hanno permesso di delineare il quadro: in casa dell’uomo sono stati ritrovati altri 20 mila euro in contanti, mentre durante l’ispezione all’esercizio commerciale è stata individuata una vera e propria contabilità parallela. Identificato anche un lavoratore in nero.L’analisi della documentazione acquisita ha consentito di ricostruire un’evasione fiscale di quasi mezzo milione di euro.

Si tratta di ricavi derivanti dall’attività di ristorazione, non registrati nella contabilità ufficiale, non dichiarati ma appuntati minuziosamente per mantenere aggiornato il conto del denaro liquido, frutto di evasione. I soldi rinvenuti, come disposto dal giudice, sono rimasti sotto sequestro per essere confiscati e l’uomo è stato accusato di aver tentato di sottrarsi fraudolentemente al pagamento delle imposte, trasportando all’estero, di nascosto, il denaro frutto di evasione fiscale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA