Evacuata la scuola media di Terno Polveri da un cantiere: sei intossicati

Evacuata la scuola media di Terno
Polveri da un cantiere: sei intossicati

Momenti di apprensione martedì 9 ottobre alla scuola media «Padre Cesare Albisetti» di Terno d’Isola, a causa di una nuvola di polvere che ha invaso il corridoio e alcune aule.

Una ragazzina ha perso i sensi e altri 15 studenti hanno avuto problemi respiratori: sei di loro sono stati trasportati al Pronto soccorso di vari ospedali bergamaschi per accertamenti e per fortuna poi dimessi con pochi giorni di prognosi.

L’episodio è accaduto verso le 9 nell’edificio scolastico dove un’impresa edile sta realizzando un cappotto per l’efficientamento energetico. Un operaio edile, mentre stava lavorando nel seminterrato a una soglia di marmo per staccarla dal pavimento, ha effettuato un’incisione con un flessibile sul cemento, provocando una nuvola di polvere che ha invaso lo la scuola media, nella quale c’erano 270 studenti e almeno una ventina di professori.

La tromba delle scale ha fatto da «effetto camino» e la polvere si è sparsa nei corridoi e in alcune aule. Una ragazzina si è sentita male ed è svenuta e altri studenti hanno avuto fastidi respiratori e malesseri. La dirigente scolastica, Rosa Gualandris, ha allertato il 112 e ha fatto evacuare tutto l’edificio. Gli alunni sono stati sistemati nell’auditorium e nella palestra. Sul posto sono arrivati i soccorsi: l’automedica del 118, quattro ambulanze, i vigili del fuoco di Dalmine e Bergamo con quattro mezzi, i carabinieri di Calusco d’Adda, la polizia locale di Terno e il personale dell’ufficio prevenzione e infortuni di Bonate Sotto dell’Ats. Alla scuola sono arrivati anche il sindaco Corrado Centurelli e il vice Antonio Butti. Il personale del 118 ha prestato le prime cure alle ragazze e ai ragazzi che avevano difficoltà di respirazione: sei appunto sono stati trasportati negli ospedali «Papa Giovanni XXIII» di Bergamo, di Alzano, Seriate e Ponte San Pietro, mentre una decina sono stati visitati sul posto.


Approfondisci di più l’argomento acquistando a 0.99 euro la copia digitale de L’Eco di Bergamo del 10 ottobre 2018.

© RIPRODUZIONE RISERVATA