Bella e sportiva, affronta e supera  i tabù della sua «disabilità invisibile»

Bella e sportiva, affronta e supera
i tabù della sua «disabilità invisibile»

A 27 anni la forza di costruirsi una vita «normale» nonostante la malattia cronica all’intestino.

C’è chi nasconde le cicatrici e chi invece è capace di indossarle come se fossero finissimi gioielli. Ci vuole molto coraggio per rimarginare le ferite e andare avanti: non è da tutti, si può esserne orgogliosi. Così Laura Maltese di Bergamo, 27 anni, nonostante sia costretta a combattere da quando ne aveva 16 con una grave malattia cronica dell’intestino e abbia dovuto subire operazioni invasive per curarla, non ha perso il suo sorriso e ha accettato perfino di fare da modella per il progetto internazionale «Invisible body disabilities».

© RIPRODUZIONE RISERVATA