Dalle navi da crociera al bar in piazza, Fara d’Adda piange Luigi Pozzi
Luigi Pozzi

Dalle navi da crociera al bar in piazza, Fara d’Adda piange Luigi Pozzi

È morto a 59 anni per i postumi di un ictus che lo aveva colpito a gennaio. Lascia la moglie e un figlio.

Un barista che dietro il bancone amava socializzare con i suoi clienti, per molti dei quali passare da lui a bere un caffè, un aperitivo o fare semplicemente una battuta (cucina e politica i temi abituali) era quasi diventato un rito. Così da chi lo conosceva viene ricordato Luigi Pozzi, titolare dello storico Bar Centrale di Fara d’Adda affacciato sulla principale piazza del paese, morto all’età di 59 anni mercoledì sera all’hospice di Capriate.

Qui era ricoverato dopo essere stato colpito ai primi di gennaio da un ictus da cui non è più riuscito a riprendersi nonostante gli incoraggiamenti della moglie Norma e del figlio Marco, di 18 anni, che gli sono sempre stati accanto. Originario di Brembate, il cinquantanovenne, dopo diversi anni trascorsi a lavorare nella ristorazione sulle grandi navi da crociera a bordo delle quali aveva circumnavigato il mondo (e non mancava simpaticamente di ricordarlo più volte a chi lo conosceva), il 24 dicembre del 1987, a 26 anni, era subentrato nella gestione del Bar Centrale diventato presto un punto di ritrovo per molte generazioni di faresi e non solo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA