Disastro di Pioltello, sabato il ricordo «Dossier sulla sicurezza delle ferrovie»
L’incidente a Pioltello

Disastro di Pioltello, sabato il ricordo
«Dossier sulla sicurezza delle ferrovie»

Nella tragedia del treno del 2018 hanno perso la vita tre donne. La cerimonia a Caravaggio. «Il Consiglio regionale discuta lo stato della rete».

«Il diritto alla sicurezza sui treni deve essere garantito senza se e senza ma. Le nostre pendolari che hanno perso la vita, non devono essere ricordate solo per le statistiche della sicurezza e degli incidenti. Le persone non sono numeri, sono vite: valori inestimabili che i loro famigliari non avranno mai più indietro». Si chiude così il comunicato unitario dei vari comitati pendolari della Lombardia all’approssimarsi del 2° anniversario della tragedia di Pioltello.

Tre nomi rimasti nella memoria di tutti, quelli delle vittime. Giuseppina Pirri aveva 39 anni ed era di Capralba, Ida Milesi 61, Pierangela Tadini 51: entrambe di Caravaggio. Erano a bordo del treno 10452 che da Cremona portava a Milano: tre carrozze deragliate poco dopo la stazione di Pioltello, a causa di «uno spezzone di rotaia di 23 centimetri che si è spezzato» ricordano i pendolari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA