«In Giulia la sorgente viva della fede», si chiude il processo di beatificazione della giovane
Giulia Gabrieli

«In Giulia la sorgente viva della fede», si chiude il processo di beatificazione della giovane

Domenica 12 settembre nella chiesa di San Tomaso. Il vicepostulatore don Tomasoni: «In 5 mila pagine le sue virtù eroiche e la santità, custode dell’alleanza con Dio».

Cinquemila pagine chiuse con il nastro rosso, la ceralacca e il sigillo vescovile. Raccolgono i documenti e le testimonianze della fase diocesana del processo di beatificazione della giovane serva di Dio Giulia Gabrieli, che si conclude domenica 12 settembre . «Una ragazzina la cui freschezza, vicinanza e normalità provoca ancora di più, nell’indicare, soprattutto ai giovani, che la fede è la strada che porta al tesoro della vita», la descrive il vicepostulatore don Mattia Tomasoni . L’invito è a partecipare al momento che sosterrà le virtù eroiche e la fama di santità della quattordicenne morta per un sarcoma il 19 agosto 2011 , dopo due anni di malattia, affrontati con la forza del sorriso e nel segno dell’amicizia col Signore.

Come sarà organizzato l’evento di domenica?

© RIPRODUZIONE RISERVATA