Lovere, la piccola Aya ha fretta e nasce nel consultorio
La piccola Aya con la mamma Fadoua e l’équipe del consultorio

Lovere, la piccola Aya ha fretta e nasce nel consultorio

La bimba è nata poco dopo le 11 di martedì 8 giugno al consultorio di Lovere. Le ostetriche hanno capito che la mamma non sarebbe arrivata in tempo in ospedale.

La vita, la vita. Dopo più di un anno a parlare di Covid, morte e dolore, ci pensa Aya Jyab a riportare la speranza. Ieri mattina poco dopo le 11 è nata in consultorio a Lovere, senza dare il tempo alla mamma di arrivare in ospedale. Ad assisterla, le ostetriche dell’Asst Bergamo Est, le prime a intuire che quei dolori non sarebbero stati passeggeri ma stavano anticipando il parto di un giorno rispetto al termine previsto. Così, in una sala attrezzata con materassi e cuscini del distretto sanitario di piazzale Bonomelli, la piccola ha potuto ricevere le prime carezze e i primi abbracci. Poi, con il cordone ombelicale che ancora la teneva legata alla mamma, è stata trasferita in ospedale a Esine; qui i medici non hanno potuto fare altro che congratularsi con la famiglia della piccola e ringraziare le colleghe di Lovere per l’assistenza data alla nascitura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA