Predore, Rsa chiusa da oltre 5 mesi Slitta la riapertura: manca il personale
Villa Serena

Predore, Rsa chiusa da oltre 5 mesi
Slitta la riapertura: manca il personale

Chiusa dal 17 marzo, a settembre avrebbe dovuto ripartire. Ma i numeri di medici e infermieri non lo consentono. Il direttore: «Fatichiamo a trovarli»-

Slitta la riapertura della casa di riposo «Villa Serena» di Predore: mancano infatti due medici su tre e due infermieri su quattro, quindi la prevista apertura per settembre è destinata ad andare oltre, a meno che in questi giorni la direzione della cooperativa Universiis di Udine, che l’ha in gestione dal 2005 dalla parrocchia, riesca a reperire le figure mancanti nell’organico. Sono 20 gli addetti per 25 ospiti, oltre ai sette tra medici e infermieri, 10 operatori socio-sanitari (Oss), un addetto alla lavanderia, un altro alla cucina e un manutentore. La carenza di medici e infermieri è un problema che investe anche altre rsa, dopo che la pandemia ha fatto tante vittime anche tra il personale medico-sanitario. Nello specifico tuttavia, i due dottori in servizio alla Rsa nel periodo Covid hanno vinto il concorso per i medici di base, incompatibile con altri incarichi. Nel periodo di grande emergenza sanitaria la compianta caposala Lidia Liotta, 56 anni, in servizio fino all’ultimo, morì per aver contratto il coronavirus e un’altra si dimise. «Fatichiamo a trovare queste figure professionali - spiega il direttore Tiberio Foiadelli - .Abbiamo avuto tanti contatti ma per ora senza un nulla di fatto. Speriamo si faccia avanti qualcuno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA