Quando l’arte supera limiti e silenzi  Un pennello per sfumare la disabilità

Quando l’arte supera limiti e silenzi
Un pennello per sfumare la disabilità

Andrea Baleri , del 1980, dalla nascita è costretto su una sedia a rotelle, anche parlare gli costa fatica

Il giallo corre alla velocità della luce. Poi basta un tocco di blu per proiettarsi in alto, mille chilometri più in su, in un cielo senza nuvole. C’è il sole ad Albino nella stanza dove ci sediamo a chiacchierare con Andrea Baleri: è una forma che esplode al centro di un grande quadro che «sfonda» la parete annullandone i confini, riempiendola di movimento e di emozione. Andrea dalla nascita è costretto su una sedia a rotelle, anche parlare gli costa fatica: sono i colori il suo motore. L’arte gli permette di spostarsi dove vuole, di comunicare in modo profondo e diretto, di arrivare dove i discorsi non potrebbero mai, di aprire orizzonti, di indicare strade inaspettate a chi si ferma a osservare.

Classe 1980, ha dimostrato fin da bambino attitudine per l’arte. L’ha sempre coltivata grazie al sostegno di una famiglia speciale, che gli si è stretta attorno con la capacità di ascoltare, accogliere e far affiorare i suoi talenti. I suoi primi alleati sono i genitori Ferdi e Clara e i fratelli Alfredo, Maria e Lidia. «Lui è il collante della famiglia» sottolinea Maria. La creatività e il coraggio «La creatività vuole coraggio» scrive Henri Matisse, e questa è una caratteristica ricorrente nel percorso di Andrea: dal liceo artistico a Bergamo agli anni all’Accademia Carrara, che ha potuto frequentare grazie a un progetto sperimentale, ottenendo il diploma nel 2007, fino alle numerose esposizioni collettive e personali. L’esperienza all’Accademia di Belle Arti prosegue: Andrea frequenta come uditore «esterno» i laboratori di incisione, di pittura e più di recente di cianotipia, seguito dagli insegnanti che l’hanno accompagnato dall’inizio negli studi e da sempre hanno creduto in lui, in particolare Salvatore Falci per la pittura e Claudio Sugliani per le opere di incisione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA