Saldi estivi, il bilancio è positivo «Ma molti negozi sono a rischio»

Saldi estivi, il bilancio è positivo
«Ma molti negozi sono a rischio»

Vendite favorite da forti ribassi e varietà della merce. Le associazioni di categoria: il governo ci aiuti a evitare il peggio.

Si chiude con perdite limitate – secondo le associazioni di categoria – la stagione dei saldi estivi, la prima post Covid. I ricavi hanno oscillato tra il 10% e il 20% in meno rispetto all’anno passato, ma qualcuno è riuscito anche a invertire la tendenza. Reduci dal lockdown i negozianti avevano i magazzini pieni di merce e la varietà di articoli e taglie, abbinata a percentuali forti di sconto sin dall’inizio – con tagli dal 40 al 50% dei prezzi – ha favorito gli acquisti. Tanto che non pochi hanno deciso di prolungare le offerte a costi ribassati.

«L’andamento delle vendite di fine stagione è stato a macchia di leopardo – spiega Oscar Fusini, direttore di Ascom Bergamo –. Oltre le attese nelle località di villeggiatura, meno bene in città e nei centri storici dei paesi. In generale, chi rileva un calo nelle vendite di fine stagione non va oltre il -10%; e chi segnala invece una crescita indica in media un +10%». Il direttore di Confesercenti Bergamo, Filippo Caselli, rileva «una certa soddisfazione per l’andamento dei saldi avendo registrato in media una perdita tra il 10 e il 20% rispetto a quanto realizzato lo scorso anno al termine dei saldi estivi. Gli sconti si sono attestati mediamente al 50% per arrivare, negli ultimi giorni delle promozioni, al 70%. Ha dato buoni esiti “Lo sbarazzo”, iniziativa organizzata dai commercianti di Bergamo InCentro e sostenuta dal Distretto urbano del commercio». L’emergenza sanitaria ha cambiato le abitudini dei consumatori.

© RIPRODUZIONE RISERVATA