Variante indiana, verifiche anche  sul volo del 25 aprile
I passeggeri atterrati lunedì scorso a Orio sono stati tutti sottoposti al tampone in aeroporto

Variante indiana, verifiche anche
sul volo del 25 aprile

Ats al lavoro per tracciare i passeggeri a bordo dell’aereo da Amritsar atterrato a Orio prima di lunedì. Positivi isolati, nuovi tamponi per tutti entro metà mese.

Per ora gli unici cinque positivi accertati con la variante indiana del Covid presenti in provincia di Bergamo e in Lombardia, sono chiusi in isolamento alla Muratella di Cologno al Serio e non usciranno da lì finché il loro tampone non sarà negativo.

Ma non è detto che siano gli unici: in queste ore si sta lavorando per tracciare anche i passeggeri dell’ultimo volo (era il 25 aprile) proveniente da Amritsar, città dello stato indiano del Punjab, atterrato ad Orio al Serio prima di quello arrivato lunedì scorso. L’obiettivo è quello di mantenere la situazione sotto controllo e di circoscrivere il più possibile l’eventuale presenza in Italia della temuta variante che sta facendo numerosissime vittime nello Stato asiatico. Dopo che sono stati trovati sei positivi (uno con la variante inglese) all’arrivo al Caravaggio, quando invece alla partenza dall’India erano tutti «ufficialmente» negativi al tampone, la probabilità che ci fossero passeggeri infetti anche sul volo arrivato in Italia il 25 aprile, non è infatti da escludere a priori. All’opera non ci sarebbe solo l’Ats di Bergamo, ma tutte le strutture provinciali dei territori in cui sono residenti i passeggeri di quel volo. Sull’aereo atterrato il 4 maggio c’erano infatti solo otto viaggiatori residenti nella Bergamasca (nessuno dei sei positivi lo è), mentre gli altri 120 vivono fuori provincia e persino fuori regione, dall’Emilia Romagna al Lazio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA