Crisi Apple, il gigante di un solo prodotto

Crisi Apple, il gigante
di un solo prodotto

Steve Jobs è morto (sette anni fa) e anche l’iPhone si sente poco bene. Proprio lui, il simbolo della nostra epoca, il supremo oggetto del desiderio di miliardi di persone, il gioiello tecnologico che ha conquistato il mondo globalizzato aiutandolo a interconnettersi, il marchio della mela più emblematico della digital economy. Eppure è proprio così. La multinazionale della Mela fondata dal genio di origine siriana, fino a ieri la più ricca società al mondo di Wall Street, tracolla e brucia miliardi di dollari. Nubi fosche si addensano sul suo futuro, anche se resta un colosso. La crisi Apple arriva come un temporale estivo, come capita sempre più spesso nella turbofinanza dell’era globale, tanto potente in termini di volumi quanto volatile dal punto di vista dei tempi. In un solo giorno ha bruciato a Wall Street oltre 70 miliardi di dollari, con un tonfo del 10%.

Dai massimi toccati in Borsa in estate (quando un’azione valeva la bellezza di 200 dollari) ha mandato in fumo l’impressionante cifra di 320 miliardi. Il quartier generale dell’azienda fondata nel 1976 a Cupertino, ha annunciato per la prima volta in 16 anni che i suoi ricavi scenderanno: erano attesi 90 miliardi di dollari nel periodo settembre-dicembre 2018 e invece saranno «solo» (si fa per dire) 84 miliardi. Ora le azioni sono cadute sotto i 150 dollari, e Apple è scesa al quarto posto nella classifica di Wall Street (con la capitalizzazione che si è «ristretta» a 750 miliardi di dollari).


© RIPRODUZIONE RISERVATA