Treni, taglio estivo delle corse: «In anticipo senza preavviso»

Dal 1° agosto: da 2.150 a 1.850 al giorno. Disagi per i pendolari. La protesta sui social. Trenord: «Pochi passeggeri, l’offerta resta ampia».

Treni, taglio estivo delle corse: «In anticipo senza preavviso»

Le presenze sui treni regionali rimangono basse e così Trenord ha deciso di estendere a tutto il mese di agosto l’abituale taglio estivo delle corse: da 2.150 si è passati a 1.850 al giorno. Solitamente questa riduzione era di tre settimane e partiva dopo la prima settimana di agosto. Quest’anno, invece, è stata applicata già dal primo del mese, causando disagi a quei pendolari che non erano rimasti aggiornati consultando nei giorni scorsi i canali informativi della società ferroviaria (il sito web e la App). Ieri mattina, presentandosi alla banchina ferroviaria della loro stazione di partenza, non hanno più trovato il treno che prendevano regolarmente. Tutto ciò ha causato reazioni indignate, soprattutto sui social. Trenord nel pomeriggio ha diffuso un comunicato per spiegare la situazione, mettendo in risalto soprattutto che, sebbene l’offerta delle corse sia ormai tornata da tempo ai livelli del periodo pre Covid, lo stesso non si può dire per l’utenza che, invece, rimane molto al di sotto. «Da aprile a oggi – sostengono dalla società ferroviaria – le presenze sui treni regionali non hanno mai superato il 60% dei livelli pre-Covid, pur a fronte di un’offerta di circa 2.150 corse al giorno, pari a quelle del 2019. Per questo, la consueta riduzione estiva del servizio è iniziata domenica 1° agosto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA